Il fascino della ricerca

Verona Sette, Vera Meneguzzo, 5 marzo 1993

“Il fascino della ricerca”. Un motto coniato per identificare se stessa, la sua esplorazione nel recinto mai chiuso dell’arte, il porsi autobiografico attraverso un linguaggio sempre più scarnificato, icastico, emozionante, severo.  La Cazzadori viene  da un figurativo accettato solo come esercizio sviluppatosi in diverse fasi contrassegnate  da successivi passaggi in cui era ancora imbrigliata dalle necessita’ di un segno riferito alla sostanza; dal colore ossequiente alla legge delle concordanze e dei contrasti; da un paziente lavoro condotto sui materiali plastici della ceramica per cavarne, poi, i segreti da trasferire nella pittura. Una lunga maturazione che produce, oggi, ragguardevoli risultati. per opere che paiono scoprirsi sotto la pressione leggera dei polpastrelli che scosta via della polvere di calce. Affiora, allora, un disegno puramente mentale. Fatto di toni parsimoniosi, di tinte indecifrate, sul percorso materico e gessoso simile allo scheletro minimo di un proteo primordiale. Oppure al sistema della genesi su cui sono costruite forme e suoni. O al progetto di un sogno meravigliosamente organizzato. Per la Cazzadori, ciò che conta, non  è l’immagine ma la sua traccia. Un realizzare sulla tela la sensazione forte di una presenza, di un ricordo, di un brivido non chiaramente identificati, ma di cui, nel cuore e nella mente, sono rimasti impressi emozione e parvenza. Un cancello chiuso su una strada in collina, un muro segnato dalle rughe del suo passato, un profilo umano intravisto per un attimo e mai dimenticato. Il tutto sostenuto da assonanze numeriche, fatte di equilibri e di esatte soluzioni, in parallelo alle eterne armonie matematiche e geometriche del mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *